Home » Articoli » Comunicati stampa » Venerdì 27 settembre ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi lo spettacolo “Carmen dove sono le emozioni”.

Venerdì 27 settembre ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi lo spettacolo “Carmen dove sono le emozioni”.

Quando l’opera lirica incontra il mondo dell’educazione e della disabilità nasce una Social Opera! Venerdì 27 settembre ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi lo spettacolo “Carmen dove sono le emozioni”.

Quando l’opera lirica incontra il mondo dell’educazione e della disabilità nasce una Social Opera! Venerdì 27 settembre ore 21 debutta al Teatro Pergolesi di Jesi – per il XIX Festival Pergolesi Spontini – lo spettacolo “Carmen, dove sono le emozioni”, il nuovo Social Opera della Fondazione Pergolesi Spontini, liberamente ispirato all’opera Carmen di Bizet, la regia è di Gianfranco Frelli, l’espressività corporea è curata da Sara Lippi. In scena la compagnia OperaH, un gruppo di dieci persone con disabilità fisica/intellettiva, con loro i giocatori della squadra di Rugby Jesi 70, le allieve e gli allievi di Teatrococuje.it e di Nuovo Spazio Studio Danza, educatori e attori coinvolti nel laboratorio teatrale “OperaH” della Fondazione Pergolesi Spontini realizzato con il contributo di A.S.P. Ambito 9 – Comune di Jesi ed in collaborazione con UMEA Unità Multidisciplinare Età Adulta ASUR MARCHE AV2- JESI, COOSS Marche. L’iniziativa coinvolge in maniera attiva anche gli studenti delle scuole partecipanti al progetto di Alternanza Scuola-Lavoro “Banco di scena” nato da una idea di Massimo Ippoliti, titolare della cattedra di discipline plastiche presso il Liceo artistico “Mannucci”, e di Paolo F. Appignanesi, responsabile produzione della Fondazione Pergolesi Spontini. Nella messa in scena al Teatro Pergolesi, gli studenti del Liceo Artistico “E. Mannucci” si occupano dell’ideazione, realizzazione e montaggio delle scenografie, gli studenti dell’I.I.S. “Marconi Pieralisi” realizzano costumi e light design, gli studenti del Liceo Classico “Vittorio Emanuele II” collaborano alla regia e realizzano un piano di comunicazione per la promozione dell’evento.
Nella nostra “Carmen” ci troviamo in una casa di cura per malati di mente. Una notte, a seguito di un sogno collettivo, si parte per inscenare la Carmen che per noi rappresenta la Libertà!
Spiega Gianfranco Frelli a proposito del lavoro teatrale realizzato con la compagnia Opera H: “Ho lavorato sul “senso di sé” “se fossi Carmen o se fossi  Don  Josè  come  sarei?”.  Abbiamo  verificato  le  emozioni  che  ciascuno  prova  quando  viene  stimolato  e  abbiamo cercato di portare queste emozioni in scena. Abbiamo lavorato sulla consapevolezza di sé, sull’io interiore ed esteriore. Ci siamo concentrati sulle potenzialità e sulle predisposizioni per il teatro, per la danza, per il movimento e per la gestualità.  Abbiamo  capito  che  ciò  che  importa  è  Essere!  Io  Vivo,  esisto  e  sono  qui  ora.  Ci siamo  concentrati  sulla  voglia  di  giocare  al  teatro,  sulla  voglia  e  sulla  volontà  di  stare  bene  insieme  e  sulla  volontà  di divertirci.  Ne è venuto fuori un lavoro fatto con tante persone che stanno in scena e dietro alla scena. Questa è la nostra “Carmen, dove sono le Emozioni”. Una Carmen che inizia in sordina, è un sogno ambientato in una clinica, un sogno che ribalta il finale, perché a noi piace vivere. Ne viene fuori un lavoro diversificato, dove tutti non fanno tutto, ma sono parte di un tutto in un tempo scenico breve”.
Ingresso 1 euro.

2019-09-26T10:39:05+00:00