SERGIO FORESTI
Baritono – Escamillo

Ha studiato canto e pianoforte a Modena e Firenze. Si è distinto soprattutto nel repertorio di musica antica da Monteverdi a Händel, collaborando con René Jacobs e Rinaldo Alessandrini e calcando le scene di teatri come Staatsoper Berlin, Bayerische Staatsoper, Teatro alla Scala, Teatro San Carlo di Napoli, Theater an der Wien, Teatro Real in Madrid e Théâtre Royal de La Monnaie e i festival Mafestival Brügge, Festival Oude-Muziek Utrecht, Styriarte Graz e Innsbrucker Festwochen der Alten Musik, lavorando con direttori come Ottavio Dantone, Jordi Savall, Fabio Biondi, René Clemencic, Giovanni Antonini ed Enrico Gatti.
Fanno parte del suo repertorio inoltre ruoli mozartiani come il Conte di Almaviva ne Le nozze di Figaro (Wexford Opera Festival), Leporello in Carlos Sauras Film Io, Don Giovanni e Publio ne La Clemenza di Tito (CD diretto da René Jacobs).
Ha interpretato inoltre Il marito disperato di Cimarosa, il ruolo di Bertrand in Orleanskaja Deva di Tschaikowski, Escamillo in Carmen (in Olanda e Belgio), Giorgio Germont ne La traviata (Staatoper Szeged in Ungheria) e Ford in Falstaff (in tournee in Olanda).
Tra gli impegni recenti ricordiamo Leporello in Don Giovanni al Festival di Alden Biesen in Belgio, Requiem di Brahms con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo e il debutto nel ruolo di Bonafede ne Il mondo della luna di Haydn al Landestheater di Salisburgo, dove è tornato anche l’anno successivo come Don Geronio ne Il Turco in Italia con la direzione di Adrian Kelly e come Leporello in Don Giovanni con la regia di Jacopo Spirei. Tra gli altri recenti debutti annovera Dulcamara ne L’Elisir d’amore al Festival Immling e Uberto ne La sposa padrona al Fesival di Maria Saal. Al Teatro Olimpico di Vicenza ha debuttato come Batone ne L’inganno felice con la direzione di Giovanni Battista Rigon e la regia di Alberto Triola.
Nella stagione 2018/19 è tornato al Landesthaeter di Salisburgo come Don Pomponio ne La Gazzetta di Rossini. Al Contertgebouw Amsterdam ha cantato come Alcandro ne L’Olimpiade di Vivaldi con la direzione di Andrea Marcon.
Sergio Foresti ha collaborato con registi come Luca Ronconi, David McVickar, Vincent Boussard, Graham Vick, Toni Servillo e Robert Wilson.
Con Stile Galante ha inciso recentemente il CD Brutus, nel quale interpreta cantate di Antonio Caldara (Panclassics). Tra le altre incisioni ricordiamo soprattutto quelle di Tito Manlio con F.M. Sardelli,L’Olimpiade di Vivaldi con il Concerto Italiano e Rinaldo Alessandrini (Naïve), La clemenza di Tito con R. Jacobs (Harmonia Mundi).

Calendario Eventi

<< Settembre 2020 >>
lmmgvsd
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 1 2 3 4

La Fondazione informa

Recent Posts

“Tutto il mondo è un teatro e tutti gli uomini e le donne non sono che attori”

William Shakespeare