Martedì 3 settembre ore 21 sul palco del Teatro Pergolesi di Jesi l’eccezionale presenza di Richard Galliano, virtuoso della fisarmonica, e de I Solisti Aquilani Quintetto, un evento del XIX Festival Pergolesi Spontini in collaborazione con Jesi Jazz Festival.

Martedì 3 settembre ore 21 al Teatro Pergolesi di Jesi il XIX Festival Pergolesi Spontini in collaborazione con Jesi Jazz Festival 2019 propongono un evento d’eccezione, il concerto che concerto che vede insieme sul palco  Richard  Galliano, virtuoso della fisarmonica e del bandeon, con I Solisti Aquilani Quintetto.

Considerato il più importante fisarmonicista vivente, ed erede di Astor Piazzolla, Galliano è stato il principale artefice del rilancio a tutto campo della fisarmonica come strumento dalle innumerevoli capacità espressive. Con l’orchestra d’archi I Solisti Aquilani, Galliano eseguirà alcune trascrizioni per fisarmonica e archi che ha realizzato dal Concerto in la minore per violino, archi e basso continuo BWV 104 di Johann Sebastian Bach e dalle Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi, oltre a brani appositamente composti per questa formazione dallo stesso musicista: Opale e La valse à Margaux. In programma anche l’omaggio ad Astor Piazzolla, di cui saranno eseguiti i brani Contrabajando e Oblivion.

Richard Galliano spazia su tutto il fronte della musica, dalla classica al jazz. Unico fisarmonicista a registrare per la prestigiosa etichetta Deutsche Grammophon, questo francese di origini italiane conta più di cinquanta album a suo nome e con tanti artisti di fama. Lungo e variegato l’elenco dei musicisti con cui ha avuto modo di lavorare. Tra i tanti, Chet Baker, Ron Carter, Wynton Marsalis, Charlie Haden, Gary Burton, Paolo Fresu, Charles Aznavour, Serge Gainsbourg, Claude Nougaro. Tanti anche gli allori raccolti negli anni da Richard Galliano, un artista che è stato capace di rinnovare l’immagine di uno strumento come la fisarmonica, considerato sorpassato e destinato solo alle sale da ballo del sabato sera, spaziando tra molteplici stili musicali, flirtando con la salsa, fondendosi con il tango, senza però mai perdere la sua anima.

I Solisti Aquilani si sono costituiti nel 1968 sotto la guida di Vittorio Antonellini. Il loro repertorio va dalla musica pre-barocca alla musica contemporanea. Hanno tenuto tournée in Italia, Africa, America, Europa, Medio ed Estremo Oriente e sono ospiti delle più prestigiose istituzioni musicali e sale da concerto.

Biglietti platea e palchi da 10 a 15 euro. Ridotto famiglia (2 adulti e 2 bambini a 20 euro).