Home » Leo Muscato
Leo Muscato2017-01-30T10:17:03+00:00

LEO MUSCATO regia

Drammaturgo e regista. Parallelamente agli studi in Lettere e Filosofia a La Sapienza di Roma, entra a far parte della compagnia di Luigi De Filippo; nel 1997 si trasferisce a Milano per studiare Regia alla Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” dove mette in scena i suoi primi spettacoli, orientandosi sulla drammaturgia contemporanea. Ha collaborato come aiuto-regia a diversi spettacoli messi in scena da Giorgio Marini, Massimo Navone, Gabriele Vacis, Paolo Rossi. Ha messo in scena una trentina di spettacoli di prosa e numerosi eventi teatrali. Dal 2005 è direttore artistico della compagnia Leart’-Teatro con la quale ha realizzato i primi tre capitoli del suo PROGETTO RI-SCRITTURE, mettendo in scena Romeo & Giulietta / NATI SOTTO CONTRARIA STELLA da Shakespeare, Casa di bambola / L’ALTRA NORA da Ibsen, e Gabbiano / IL VOLO da Cechov. Nel luglio 2011 all’Estate Teatrale Veronese ha debuttato il quarto capitolo, Equivoci / LA COMMEDIA DEGLI ERRORI da Shakespeare, con Peppe Barra.
Nel giugno 2007 l’Associazione Nazionale dei Critici Teatrali gli assegna il Premio della Critica 2007 come Miglior regista.
Nel novembre 2009 ha debuttato nella regia lirica mettendo in scena al Teatro Ponchielli di Cremona La voix humaine di Cocteau/Poulanc e Pagliacci di Leoncavallo, prodotto dal Circuito Lirico Lombardo. Nel 2012 metterà in scena La bohéme di Puccini per il Macerata Opera Festival, Li puntigli delle donne di Spontini per il Festival Pergolesi Spontini, e Nabucco di Verdi al Teatro Lirico di Cagliari.
Parallelamente al lavoro di regista svolge un’attività di pedagogia teatrale: conduce Master Class di recitazione per attori e cantanti lirici presso diverse associazioni, enti pubblici e privati.

Calendario Eventi

<< Giugno 2019 >>
lmmgvsd
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

La Fondazione informa

Recent Posts

“Tutto il mondo è un teatro e tutti gli uomini e le donne non sono che attori”

William Shakespeare