Home » Articoli » Comunicati stampa » Fondazione Pergolesi Spontini, approvato il bilancio consuntivo 2017, conti in equilibrio. Al via la campagna #iosostengoilpergolesi 1798-1968-2018

Fondazione Pergolesi Spontini, approvato il bilancio consuntivo 2017, conti in equilibrio. Al via la campagna #iosostengoilpergolesi 1798-1968-2018

L’Assemblea dei Soci della Fondazione Pergolesi Spontini ha approvato il bilancio consuntivo 2017, conti in equilibrio per un giro d’affari di € 2.900.000 circa. Per il 2018 cinque i titoli d’opera programmati. Al via in questi giorni la campagna di raccolta fondi #iosostengoilpergolesi.

L’Assemblea dei Soci della Fondazione Pergolesi Spontini, riunita presso il Teatro Pergolesi di Jesi martedì 17 aprile, ha approvato l’esercizio finanziario 2017 della Fondazione. Un bilancio che si chiude nel sostanziale pareggio di entrate e di uscite per un giro d’affari di € 2.900.000 circa. Approvato, nella stessa seduta, anche il bilancio di previsione 2018 presentato dal Consiglio di Amministrazione: in equilibrio le voci di entrata e di uscita, pari a € 2.200.000.

Nel 2018 ricorreranno i 220 anni di fondazione del Teatro Pergolesi ed il 50esimo anniversario del riconoscimento del titolo di Teatro lirico di Tradizione. Un doppio anniversario che sarà celebrato attraverso il Festival Pergolesi Spontini, tra agosto e settembre, e la Stagione Lirica di Tradizione, che ritorna nella storica collocazione autunnale.

Storico anche il ritorno dell’opera lirica al Pergolesi il 22 settembre, San Settimio, patrono della Città di Jesi. Una proposta culturale che trae ispirazione dal territorio e che si diffonde sul territorio medesimo. Cinque i titoli d’opera: due nel cartellone del Festival con l’opera ritrovata “Le metamorfosi di Pasquale” di Gaspare Spontini e “Il noce di Benevento” del compositore jesino Giuseppe Balducci, in prima esecuzione italiana in tempi moderni, e tre per la Stagione Lirica quali “Il Trovatore” di Verdi, “Le nozze di Figaro” di Mozart e, in prima rappresentazione assoluta, il CircOpera “Gran Circo Rossini”.

Prende il via in questi giorni, con un simbolico lancio di palloncini dentro e fuori il teatro Pergolesi diffuso attraverso i canali social, la campagna di raccolta fondi 2018 della Fondazione: “Innamorati … del Teatro per vivere insieme la bellezza di un’esperienza unica. Donaci il tuo sostegno”, si legge nello spot.

Ogni donazione sarà un regalo per il Teatro e sarà un regalo per migliaia di persone di ogni età che potranno continuare a vivere la bellezza e l’unicità dell’esperienza artistica nel luogo che ne rappresenta l’identità, la storia e la cultura da generazioni.

Tutti possono diventare Sostenitori del Teatro Pergolesi di Jesi, attraverso Art Bonus, 5×1000, sponsorizzazioni, e lasciti, come si legge nel sito  https://www.fondazionepergolesispontini.com/diventa-sostenitore/

Inaugurato nel 1798, il Teatro Pergolesi è uno dei più rilevanti e apprezzati teatri storici delle Marche. Riconosciuto dal 1968 come uno dei 29 Teatri Italiani di Tradizione (oggi, come allora, l’unico esempio in Italia in una città non capoluogo di provincia) è un’istituzione fortemente radicata nel territorio e qualificata a livello nazionale ed internazionale per la continuità di una produzione lirica di grande qualità artistica, per la tutela della tradizione musicale e per la promozione di giovani artisti che trovano ogni anno espressione nel Festival Pergolesi Spontini e nella Stagione Lirica di Tradizione. L’Ente teatrale è il cuore di un’intensa attività artistica e culturale con 330 giorni di attività all’anno, 50mila spettatori e oltre 200 spettacoli (opere e concerti, spettacoli di prosa e di teatro per ragazzi, danza e circo contemporaneo) organizzati in collaborazione con oltre 40 Enti e Associazioni culturali pubbliche e private della nostra regione.

Il Teatro Pergolesi è dunque uno straordinario patrimonio culturale, educativo e sociale e un significativo segmento dell’economia locale in quanto crea e garantisce lavoro, diretto e indiretto, per centinaia di persone, produce un ritorno economico per tanti operatori del commercio, dell’artigianato e del turismo e contribuisce alla valorizzazione dell’immagine dell’intero territorio.

2018-04-18T15:02:56+00:00