2012 2017-10-02T15:18:59+00:00

PROGRAMMA

XII
DODICESIMA EDIZIONE
FESTIVAL  PERGOLESI  SPONTINI
dal 31 agosto al 16 settembre 2012
Jesi, Loreto, Maiolati Spontini, Montecarotto
TRAVESTIMENTO E TRASFORMAZIONE

mercoledì 29 agosto 2012, ore 20 – anteprima giovani*
venerdì 31 agosto 2012, ore 20
domenica 2 settembre 2012, ore 20
Jesi, Teatro G.B. Pergolesi
LA FUGA IN MASCHERA
Commedia per musica
Libretto di Giuseppe Palomba
musica di Gaspare Spontini
revisione critica a cura di Federico Agostinelli
Edizioni Fondazione Pergolesi Spontini
Prima rappresentazione: Napoli, Teatro Nuovo sopra Toledo, 1800

Elena Ruth Rosique
Olimpia Caterina Di Tonno
Corallina Alessandra Marianelli
Nardullo Clemente Daliotti
Marzucco Filippo Morace
Nastagio Alessandro Spina
Doralbo Dionigi D’Ostuni

direttore
Corrado Rovaris
regia Leo Muscato
scene Benito Leonori
costumi Giusi Giustino
light designer Alessandro Verazzi

I Virtuosi Italiani

In coproduzione con
TEATRO DI SAN CARLO DI NAPOLI
Nuovo allestimento
Prima esecuzione in epoca moderna

Si ringraziano Marco Palmolella, il Comune di Maiolati Spontini e la Fondazione della Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana per l’acquisto della partitura originale.
*recita riservata ai partecipanti al progetto “Ragazzi… all’Opera! 2012”

Commedia per musica in due atti, è l’ultima opera che Spontini scrisse a Napoli prima di partire in fuga verso Palermo: l’opera andò in scena a Napoli in occasione del carnevale del 1800. Un’unica rappresentazione e poi il nulla per oltre due secoli. Si tratta dunque di una prima esecuzione assoluta in epoca moderna.
Protagonisti del libretto un pittore fanatico, una giovane “spiritosa e di alte idee”, un medicastro, un grazioso contadino, una ragazza girovaga con la lanterna magica…. in una girandola di episodi molto divertenti tra avventure amorose, travestimenti, sedute spiritiche e una festa di carnevale che dà il titolo all’opera.

sabato 1 settembre 2012, ore 21
Jesi, Teatro V. Moriconi
ACCADEMIA STRUMENTALE
musiche di H. Purcell,  G.F. Haendel, W.A. Mozart
violino Anna Tifu
direttore Corrado Rovaris
I Virtuosi Italiani

I Virtuosi italiani diretti da Corrado Rovaris e una delle più promettenti giovani violiniste italiane, enfant prodige e grande virtuosa, Anna Tifu in un programma che prevede brani di grande virtuosismo e la suite di danzaAbdelazer di Purcell che rappresenta l’originale barocco, riutilizzato poi da Britten nel suo The Young Person’s Guide to the Orchestra.

venerdì 7 settembre 2012, ore 21
Jesi, Piazza Federico II
CRYSTAL SOUND
musiche di J.S. Bach, L. van Beethoven, G. Verdi, B. Smetana
J. Strauss, J. Brahms, P.I. Čajkovskij,
E. Morricone
glass harp Robert Tiso

Le sue dita scorrono rapide e leggere, creando armonie raffinate. Musicista eclettico, Robert Tiso suona una serie di calici di cristallo che costituiscono un raro strumento chiamato cristallofono. Ogni bicchiere viene intonato aggiungendo una quantità precisa d’acqua, mentre il suono si ottiene sfregando i bordi con le dita bagnate, simulando l’archetto sulle corde di violino. Con queste sonorità Robert Tiso interpreta grandi capolavori della musica classica e moderna in un concerto che stimola curiosità e meraviglia in ogni tipo di pubblico, ricordando che creatività e innovazione non hanno confini.

IN CASO DI PIOGGIA IL CONCERTO SI TERRA’ AL TEATRO V. MORICONI

sabato 8 settembre 2012, ore 21
Montecarotto, Teatro Comunale
LA POESIA DI METASTASIO
Girolamo Crescentini tra classicismo, restaurazione e rivoluzione pre romantica
musiche di L. van Beethoven, J. Haydn, G. Crescentini, F. Schubert, G. Donizetti
mezzosoprano Marina Comparato
pianoforte Gianni Fabbrini
presentazione in anteprima del nuovo disco (Tactus, Bologna)

Cantate e arie del castrato Girolamo Crescentini, una vera celebrità sul finire del Settecento, nonché maestro della celeberrima Isabella Colbran (protagonista de “La Vestale” di G. Spontini nel ruolo di Julia in un memorabile allestimento del 1811 a Napoli che segnò la fortuna italiana dell’opera e tanto incise sul clima culturale partenopeo come sull’imminente produzione seria di Rossini).
Un’occasione per riscoprire, attraverso prime esecuzioni assolute, la bellezza di pagine recentemente rinvenute presso il Fondo Pitti della Biblioteca del Conservatorio Cherubini di Firenze e che si propongono come un vero e proprio compendio dell’arte del Belcanto, facendo di Crescentini uno dei principali protagonisti, come autore e come interprete, di quell’epoca d’oro del canto lirico italiano. Intorno alle rarissime pagine di Crescentini, sono disposte pagine di autori che tracciano una fitta rete di collegamenti con quella produzione: la Cantata Arianna a Nasso di Haydn, presa da Crescentini a modello stilistico, arie di Beethoven e Schubert sui medesimi testi di Metastasio, e infine un’aria da camera di Donizetti che, sempre su quelle parole, reca evidenti tracce dell’influsso di Crescentini.

venerdì 14 settembre 2012, ore 21
Loreto, Pontificia Basilica della Santa Casa
SUB TUUM PRAESIDIUM
Il millenario percorso di trasfigurazione dei canti monodici mariani
musiche di G.P. da Palestrina, M. Durufle, O. Dipiazza, A. Part, T. Kverno, L. Donati, G. Spontini
Insieme Vocale Vox Cordis
direttore Lorenzo Donati
organo Simone Baiocchi
violoncello Alessandro Culiani

Lorenzo Donati dirige l’ensemble vocale Vox cordis all’interno della Pontificia Basilica della Santa Casa di Loreto. Il coro polifonico, specializzato nel repertorio rinascimentale e contemporaneo, è formato da cantori di grande esperienza musicale e basa l’intenso impegno e la qualità artistica sulla condivisione della gioia del far musica insieme.
Il brano di Gaspare Spontini Dominum salvum fac Regem è una poderosa composizione che propone una scrittura densa e articolata. Gli strumenti concertanti intervengono in modo efficace, sostenendo il coro in un brano che mette a dura prova la vocalità. Sembra evidente la volontà di Spontini di unire la grande tradizione mottettistica italiana con la tecnica e l’articolazione della musica strumentale dell’epoca.

Sabato 15 settembre 2012, ore 21
Jesi, Piazza Federico II
LE CIRQUE DES ARTS
Performance circense del Circo Takimiri

La performance tutta acrobazie, illusionismi, mangiafuoco e clownerie, è a cura dei Takimiri, un’antica famiglia circense, per un binomio fra Circo antico o Teatro di strada ed il futuristico “Cirque du Soleil”, che ripercorre il cammino dell’antico “Carro di Tespi”, dove i gitani, i musici ed i commedianti portavano la loro arte in giro per il mondo. Uno spettacolo tutto basato sulle abilità degli artisti e che non prevede uso di animali, e che giocando con il tema del Festival Pergolesi Spontini, “Travestimento e Trasformazione”, porta in scena “belve umane”, con artisti travestiti da ghepardi e tigri, per salti nel cerchio di fuoco. Da sempre la Fondazione Pergolesi Spontini è attenta al mondo dei bambini e anche questa è l’occasione di divertirsi unendo il riso alla gioia per la musica.

domenica 16 settembre 2012
L’ULTIMO SPONTINI
Le lettere, la famiglia, la musica
musica di Gaspare Spontini
da un’idea di Silvano Sbarbati
testi di Valeria Esposito e Silvano Sbarbati
(liberamente tratti da “Epistolario familiare e documenti vari dal 1774 al 1851 di Gaspare Spontini” a cura di Giuseppe Gaetti, Urbino 1974)
regia
Simone Guerro
in collaborazione con Gruppo Baku

Maiolati Spontini, Piazza Garibaldi, ore 18
FRATELLI PRIMA DELL’ITALIA
Maiolati Spontini, Casa delle Fanciulle, ore 19
ARIE DA CAMERA
soprano Valeria Esposito
pianoforte Alessandro Benigni
Gaspare Spontini Nico Alberici
Don Antonio Spontini Antonio Cuccaro
Don Venanzo Spontini Lorenzo Bastianelli
Don Anselmo Spontini Remo Stella
Celeste Érard, Joséphine Bonaparte, Suor Teresa Augusta Spontini Lucia Palozzi

Una giornata con Gasparo. Lui è Gaspare Spontini, naturalmente, celeberrimo musicista, acclamato dall’Europa dei potenti, nato in un “paesello marginale”, nella marginale provincia dell’Italia Centrale. Attraverso un epistolario emerge la figura di uno Spontini legato alla sua terra d’origine, alla sua famiglia: i fratelli Spontini sono tutti destinati alla vita religiosa, salvo appunto il musicista diventato famoso e, non da meno, anche ricco. Ne scaturisce il ritratto di una provincia piccola, indebolita da malattie e da povertà, che si aggrappa all’uomo diventato famoso per trarne i migliori vantaggi. E lui risponde e non si sottrae mai a questo compito di benefattore.
Questo suggestivo percorso nella vita e nell’opera di Gaspare Spontini, si completa con la sensibilità musicale del soprano Valeria Esposito che in un dialogo immaginifico con le figure femminili a lui più vicine, delinea un carattere, un temperamento, un uomo.

domenica 16 settembre 2012, ore 21
Maiolati Spontini, Chiesa di Santo Stefano
PER ORGANO
musiche di H. Purcell, A. Vivaldi, D. Scarlatti, J.F. Fasch, L. Mozart
organo Paolo Oreni
tromba Marco Pierobon
(organo Gaetano Callido, 1788)

Nella Chiesa di Santo Stefano, che ospita un antico organo del 1788, opera di Gaetano Callido, e dove si può ammirare la preziosa cantoria lignea anch’essa frutto di una donazione del celebre musicista, il duo tromba e organo formato da Marco Pierobon e Paolo Oreni esegue in un programma che evoca i fasti barocchi.

Calendario Eventi

<< novembre 2017 >>
lmmgvsd
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3

La Fondazione informa

Recent Posts

“Tutto il mondo è un teatro e tutti gli uomini e le donne non sono che attori”

William Shakespeare