Home » Federico II di Hohenstaufen
Federico II di Hohenstaufen2017-01-30T10:17:12+00:00

Federico II di Hohenstaufen

Federico II di Svevia (Jesi, 1194- Fiorentino di Puglia, 1250)

Federico II nacque nel 1194 da Enrico VI, figlio di Federico Barbarossa e da Costanza d’Altavilla, figlia di Ruggero II il Normanno, a Jesi, nella Marca anconitana mentre l’imperatrice stava raggiungendo il marito a Palermo, incoronato appena il giorno prima, il giorno di Natale, re di Sicilia. Data l’età avanzata, nella popolazione vi era un diffuso scetticismo circa la gravidanza di Costanza e per questo motivo, fu allestito un baldacchino al centro della piazza di Jesi, dove l’imperatrice partorì pubblicamente, al fine di fugare ogni dubbio sulla nascita dell’erede al trono.
Popolarmente conosciuto con gli appellativi stupor mundi (“meraviglia del mondo”) o puer Apuliae (“fanciullo di Puglia”), fu Sacro Romano Imperatore dal 1220 al 1250. Appartenente alla nobile famiglia sveva degli Hohenstaufen, fu inoltre re di Germania, re d’Italia, re di Borgogna, re di Gerusalemme e, col nome di Federico I, Re di Sicilia dal 1198 al 1250.
Federico II era dotato di una personalità poliedrica e affascinante che, fin dalla sua epoca, ha polarizzato l’attenzione degli storici e del popolo, producendo anche una lunga serie di miti e leggende popolari, nel bene e nel male.
Il suo regno fu principalmente caratterizzato da una forte attività legislativa e di innovazione tecnologica e culturale, volte ad unificare le terre ed i popoli, fortemente contrastata dalla Chiesa. Egli stesso apprezzabile letterato, fu convinto protettore di artisti e studiosi. La sua corte fu luogo di incontro fra la cultura greca, latina, araba ed ebraica.
Federico II donerà a Jesi il titolo di “Città Regia” che sanciva importanti diritti di piena autonomia, grandi privilegi sul dominio del Contado e libertà comunali che neanche la Chiesa, con il suo alterno dominio, poté più togliere. Jesi passò così definitivamente alla fazione ghibellina e le sue fortune politiche saranno legate per anni a quelle di Federico II e dei suoi figli Enzo e Manfredi con l’ottenimento di “privilegi imperiali” seguiti da inevitabili “scomuniche ecclesiastiche”.
Si innescò, quindi, una serie di meccanismi economici, sociali e politici che portarono alla progressiva espansione di Jesi che finì per fagocitare le comunità più piccole, formando un piccolo stato cittadino, allargato ai vari “Castelli”, cui impose la propria sovranità.
Tracce della storia appena delineata si conservano ancora evidentissime nelle colline, nei paesaggi, nei ben conservati borghi medievali dei “castelli jesini”, nelle bellezze artistiche di assoluto rilievo e nell’eccellente tradizione eno-gastronomica che sono oggi alcuni degli ingredienti che costituiscono la principale fonte di attrazione turistica della Vallesina.

FONDAZIONE FEDERICO II STUPOR MUNDI
La Fondazione Federico II Stupor Mundi, costituita il 4 maggio 2011, ha l’obiettivo di valorizzare, promuovere e divulgare la figura e la personalità dell’Imperatore svevo Federico II mediante la realizzazione di un Museo virtuale, interattivo e multimediale.
La Fondazione Pergolesi Spontini affianca la Fondazione Stupor Mundi offrendo il proprio supporto organizzativo e manageriale consapevole che tale progetto intende promuovere una strategia di decisa innovazione per la crescita economica e turistica della città di Jesi e dell’intero territorio avendo come obiettivo generale quello di organizzare il territorio di riferimento in un’ottica di sistema laddove il patrimonio culturale, le attività artistiche, le imprese produttive, la promozione turistica concorrano a definire un luogo attrattivo, tecnologicamente avanzato, moderno in termini di servizi ed economicamente sviluppato e sostenibile.

Calendario Eventi

<< Settembre 2019 >>
lmmgvsd
26 27 28 29 30 31 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 1 2 3 4 5 6

La Fondazione informa

Recent Posts

“Tutto il mondo è un teatro e tutti gli uomini e le donne non sono che attori”

William Shakespeare