Home » Fabio Massimo Iaquone_biografia
Fabio Massimo Iaquone_biografia2017-09-06T16:55:33+00:00

FABIO MASSIMO IAQUONE
video

Fabio Massimo Iaquone è un acclamato videoartista. Opera nella scena artistica internazionale dagli anni ‘80. Tra i pionieri dell’intermedialità e dell’applicazione della videoarte nell’ambito del teatro, ha sperimentato linguaggi e tecniche innovative associate all’immagine elettronica.

E’ stato tra i primi ad usare le possibilità che offre l’interfaccia teatro/video e, nel corso della sua attività, ha perfezionato sempre di più questo legame, sperimentando di volta in volta l’immagine elettronica nei vari contesti drammaturgici e performativi, fino ad elaborare una vera e propria metodologia, riassumibile nella teorica/pratica del Digital Versatil Theatre: una sorta di teatro virtuale, in cui il performer  è totalmente assorbito in uno spazio simulato e smaterializzato, dove mutano radicalmente le coordinate prospettiche e la videoproiezione aderisce, con una precisione millimetrica, agli elementi architettonici e scenografici dell’ambiente, alterando e sconvolgendo la prospettiva tridimensionale. Anticipando quello che ad oggi è il “videomapping”.

Le sue collaborazioni con registi come Robert Wilson, Ricardo Pais o Giorgio Barberio Corsetti, gli hanno permesso di accumulare nel tempo una esperienza davvero unica a livello nazionale e internazionale dal punto di vista tecnologico, misurandosi di volta in volta con rappresentazioni di prosa, opere liriche e spettacoli più vicini alla performance o alla danza.

Lo stile di Iaquone è noto per produzioni importanti tra le quali Candide (Opéra de Rennes, 2004 e Opéra de Rouen, 2006), Variazioni sul cielo su un testo dell’astrofisica Margherita Hack (2004) e Matematico e impertinent su testo dello scienziato Piergiorgio Odifreddi (2006).

Calendario Eventi

<< Settembre 2019 >>
lmmgvsd
26 27 28 29 30 31 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 1 2 3 4 5 6

La Fondazione informa

Recent Posts

“Tutto il mondo è un teatro e tutti gli uomini e le donne non sono che attori”

William Shakespeare