Cristina Neri soprano

Cristina Neri, soprano, nasce a Praia a Mare (Cs) il 19 gennaio del 1993. I suoi primi approcci alla musica avvengono sin da giovanissima attraverso un coro di voci bianche e lo studio del pianoforte e della danza. Nel 2009 è ammessa al corso biennale di canto moderno del conservatorio “Torrefranca” di Vibo Valentia (VV). Studia con Rossana Casale, Fabrizio Palma e Armando Mango.
Nel 2012 diventa maestro in danza moderna ad indirizzo jazz sotto la guida del Maestro Rosa D’agostino. Si avvicina al musical con Silvia Di Stefano e Lena Biolcati. Avvia i suoi studi di canto lirico con il Maestro Loredana Lo Tufo e successivamente con il direttore Alexander J. Süß  a Mainz (Germania). Ammessa al corso triennale di canto lirico presso il conservatorio  “Santa Cecilia” di Roma studierà con i Maestri Giuseppe Sabbatini, Claudio Di Segni e Anna Maria Ferrante diplomandosi nell’ottobre del 2015. Si perfeziona presso l’Accademia d’Arte Lirica di Osimo.
Svolge un intensa attività concertistica, dedicandosi in particolare al repertorio barocco: più volte solista nel “Salve Regina” in do minore di Pergolesi, nelle cantate di Bononcini al Museo Civico di Osimo, nel “Gloria” di Vivaldi al Teatro la Nuova Fenice (Osimo), al Teatro della Fortuna (Fano) con l’Orchestra Sinfonica G.Rossini , alla Basilica di San Giuseppe Artigiano (L’Aquila) e la Basilica dei Santi Giovanni e Paolo al Celio (Roma), con “I Solisti Aquilani” e il direttore Gabriele Bonolis.  Partecipa al concerto “Mozart e Mendelssohn viaggio in Italia” esibendosi con l’orchestra filarmonica marchigiana  ne “Lied mit Chor” tratto da “Ein Sommernachtstraum”  di F.Mendelssohn  come I elfo e alle produzioni di “Suor Angelica” e del “Mese Mariano”  al Teatro la Nuova Fenice (Osimo).

Calendario Eventi

<< Dicembre 2019 >>
lmmgvsd
25 26 27 28 29 30 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31 1 2 3 4 5

La Fondazione informa

Recent Posts

“Tutto il mondo è un teatro e tutti gli uomini e le donne non sono che attori”

William Shakespeare