Home » Articoli » Comunicati stampa » Al Teatro Pergolesi di Jesi il 9 maggio in scena “Oggi si recita l’Hiv”, prima regionale dello spettacolo su stigma e prevenzione rivolto agli studenti

Al Teatro Pergolesi di Jesi il 9 maggio in scena “Oggi si recita l’Hiv”, prima regionale dello spettacolo su stigma e prevenzione rivolto agli studenti

Il 9 maggio nelle Marche ‘si recita l’hiv’: prima rappresentazione nella regione dello spettacolo su stigma e prevenzione rivolto agli studenti delle scuole medie superiori di Jesi 

Passa dalla città di Jesi (AN), che ha dato il patrocinio all’iniziativa, HImoVie 3.0, un progetto teatrale sull’HIV pensato per sensibilizzare i ragazzi sui temi della prevenzione e del contrasto allo stigma che colpisce ancora le circa 130mila persone che in Italia convivono con il virus. L’infezione da HIV è tutt’altro che scomparsa; in Italia nel 2016 si sono registrate 3.500 nuove diagnosi, vale a dire 10 al giorno, 1 ogni poco più di 2 ore, e l’85% di esse è conseguenza di rapporti sessuali non protetti.

Con questa finalità è nato il progetto “HImoVie”, che porta a Jesi, per la prima volta nelle Marche, la rappresentazione teatrale “Oggi si recita l’HIV”. Il progetto è ideato e promosso dall’Associazione Arcobaleno Aids di Torino con la collaborazione per questa tappa di Anlaids Marche ed il contributo non condizionato di Gilead Sciences.

“Oggi si recita l’HIV”, dedicato agli studenti delle scuole medie superiori, è focalizzato sui temi della prevenzione dell’HIV e delle malattie sessualmente trasmissibili ed ha già ad oggi coinvolto quasi 8mila adolescenti delle principali città italiane.

Sarà lo storico Teatro “Pergolesi” di Jesi ad accogliere il 9 maggio alle ore 10,30 la messa in scena, da parte della compagnia Teatrosequenza di Torino, di quanto tratto dal racconto di venti ragazzi sieropositivi che, nel volume “Vivere la sieropositività”, narrano la loro storia e come hanno contratto l’infezione: dalla scoperta ai modi di affrontarla e curarla, per arrivare a sensibilizzare il pubblico rispetto ad una malattia che esiste ancora, continua a colpire troppe persone, può essere prevenuta se si dispone di informazioni corrette. È vero, l’Infezione da HIV oggi si gestisce in maniera molto più efficace rispetto ai decenni passati, ma non c’è dubbio che la malattia continui ad avere un grande impatto sulla vita delle persone, per cui la prevenzione resta la strada maestra.

“Le Marche nel 2016 sono risultate fra le regioni in cui si è registrato il più alto tasso di segnalazione di nuovi casi di infezione da HIV ed in molti casi la diagnosi è avvenuta con malattia in fase avanzata, il che significa che quella persona per molto tempo è stata inconsapevolmente in grado di trasmettere il virus” afferma Luca Butini, immunologo clinico e Presidente di Anlaids Marche Onlus. “Il dato sulla incidenza maggiore rispetto ad altre regioni non va letto in chiave esclusivamente negativa, in quanto può piuttosto significare che nella nostra regione si ricorre maggiormente al Test HIV, con l’intento di arrivare ad una diagnosi più precoce. Per questo è importante continuare a proporre iniziative per informare correttamente la popolazione su HIV e Malattie Sessualmente Trasmesse, soprattutto su come fare prevenzione. I giovani sono interlocutori privilegiati, molti di loro hanno scarsa conoscenza e spesso informazioni errate, perché di HIV e di MST si parla troppo poco, a cominciare dalla scuola. Ben venga dunque questo progetto – conclude Butini che è anche nonché Vice Sindaco ed Assessore alla cultura di Jesi – in cui il linguaggio teatrale arriva in profondità, colpisce e fa riflettere e può aiutare tanto nel vivere responsabilmente la sessualità quanto nel contrastare pregiudizio e discriminazione di cui ancora oggi le persone con HIV sono vittime”.

“Siamo molto soddisfatti dello straordinario successo di HImoVie, che mette in scena uno spettacolo tratto dai vissuti che 20 ragazzi sieropositivi dalla nascita hanno condiviso con noi e che ci consente di coinvolgere i loro coetanei in una riflessione sui comportamenti a rischio e sull’accoglienza delle persone sieropositive” ha dichiarato Stefano Patrucco dell’Associazione Arcobaleno Aids.

L’idea è stata quella di raccontare, attraverso lo spettacolo, le difficoltà e il difficile percorso di accettazione della malattia di ragazzi coetanei affetti da HIV” ha commentato Roberto Zunino, attore della Compagnia teatrale Teatrosequenza. “Perché l’AIDS esiste ancora, anche se fortunatamente è più controllabile rispetto al passato, ed è importante continuare a parlarne anche ironizzando sui sentito dire e sulle false informazioni, troppo facilmente reperibili.  Il dibattito che segue lo spettacolo e l’incontro con esperti del settore riporta alla prevenzione e alla consapevolezza di pericoli e accorgimenti da adottare per evitare la diffusione del virus”.

HImoVie sui Social Media
HImoVie è un progetto che non si ferma a teatro ma che prosegue sui Social Network. Il progetto, infatti, coinvolge anche alcuni dei principali canali social, tra cui una pagina FB dedicata, un canale YouTube ed una pagina Instagram.
Su questi social sarà infatti possibile seguire l’andamento della Campagna, postare proprie idee e riflessioni nonché ricevere informazioni per partecipare al concorso fotografico che, al termine del progetto, darà luogo ad una mostra.

INFO:

Gilead Sciences, Inc. è una società biofarmaceutica basata sulla ricerca e impegnata nella scoperta, sviluppo e commercializzazione di terapie innovative in aree terapeutiche nelle quali vi siano ancora esigenze mediche non soddisfatte. Con ogni nuova scoperta e ogni molecola sperimentale, cerchiamo di migliorare in tutto il mondo l’assistenza ai pazienti affetti da malattie molto gravi. Le aree terapeutiche sulle quali ci concentriamo comprendono HIV/AIDS, malattie epatiche, ematologia e oncologia, malattie infiammatorie e respiratorie e patologie cardiovascolari. Gilead è presente in Italia dal 2000 e collabora attivamente con i partner istituzionali, scientifici, accademici, industriali e delle comunità locali per  sviluppare e rendere disponibile le terapie ai pazienti italiani.
Per saperne di più sull’impegno di Gilead nel mondo a sostegno delle comunità locali visitate www.gilead.com (Corporate Social Responsibility Report)

2018-05-08T15:11:33+00:00